email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SÉRIE SERIES 2022

Recensione serie: Cómo mandarlo todo a la mierda

di 

- La serie HBO Max di Jaime Olias e Pablo Sanhermelando Blanes offre una solida immersione nelle paure e nelle aspirazioni dei giovani adulti nel 2022

Recensione serie: Cómo mandarlo todo a la mierda
Naira Lleó (al centro) in Cómo mandarlo todo a la mierda

Scansatevi Millennial, è arrivato il momento della Generazione Z. Dopo il successo del lancio di HBO Max in Spagna nell'ottobre 2021 (leggi la news), lo streamer ha investito a livello locale e ha prodotto un'ambiziosa serie originale spagnola. Giusto in tempo per un’uscita estiva, oltretutto. E menomale, perché Cómo mandarlo todo a la mierda [+leggi anche:
trailer
intervista: Jaime Olías, Pablo Sanherm…
scheda series
]
di Jaime Olias e Pablo Sanhermelando Blanes, fresco di proiezione a Série Series, non conquista il suo pubblico solo per la sua musica divertente, i colori vivaci e l’aspetto brillante, ma offre anche una solida immersione nelle paure e nelle aspirazioni dei giovani adulti nel 2022.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Durante i suoi sei episodi di 22 minuti, seguiamo un gruppo di liceali in un viaggio improvvisato e senza accompagnamento, anche se una protagonista c'è e si chiama Alba (Naira Lleó). È piuttosto introversa, vive con il fratello maggiore truffatore, evita i contatti sociali a scuola e si affida alle sue cuffie per fuggire dalla vita quotidiana. Il primo episodio inizia con Alba che entra nella sua scuola accompagnata dalla musica di Goa, featuring Fish Narc, e scopre che l’annuale gita scolastica della sua classe è stata cancellata a causa di problemi amministrativi. Niente di troppo grave, anche se lo spettatore può considerarlo il “primo strike” nell'elenco delle delusioni che gli adulti infliggeranno ai nostri energici eroi durante l'intero show.

Non ci vuole molto perché un affiatato gruppo di compagni di classe, tra cui una potenziale cotta per Alba, interpretata dall'attrice Malva Vela (vista in Il regno [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rodrigo Sorogoyen
intervista: Rodrigo Sorogoyen, Isabel …
scheda film
]
di Rodrigo Sorogoyen), prenda in mano la situazione. Dopotutto, questo viaggio cancellato è un'opportunità pazzesca per partire da soli senza doverlo dire ai propri genitori. "Dove state andando ragazzi?" chiede Alba. "Non lo sappiamo", dice un ragazzo, come se fosse ovvio. Stufa e sinceramente spaventata dall'ultima truffa compiuta dal fratello maggiore, Alba salta con forza sul carro dei suoi compagni di classe. E certo, il suo piano iniziale è di truffarli tutti e fuggire con il loro furgone. Ma potrebbe effettivamente trovare conforto e fiducia nelle relazioni che sta per costruire.

Con il suo viaggio improvvisato e guidato dal destino, Cómo mandarlo todo a la mierda evoca facilmente serie come The End of the F***ing World o I Am Not Okay With This, ossia show su personaggi della Generazione Z (quelli nati tra il 1997 e il 2010, dopo i Millennial della Generazione Y e prima della crescente Generazione Alpha) e la loro mancanza di prospettive in una società guidata da (quelli che considerano) boomer ipocriti. Che si tratti del fratello di Alba o degli insegnanti blasé della scuola, l'età adulta è irresponsabile e fuorviante ai loro occhi, se non addirittura pericolosa. Con una fotografia che riecheggia visivamente i film per adolescenti di Larry Clarke della metà degli anni '90, Cómo mandarlo todo a la mierda suggerisce che un taglio radicale è l'unico modo che hanno per dare un senso alle sciocchezze dei loro genitori. Un irriverente “no, grazie” in risposta all'offerta degli adulti di un confronto intergenerazionale, e un taglio netto ma benefico, sottolineato poeticamente dalla frequente inclusione di animali sia liberi che in cattività in molte scene (un uccello che riposa su un cavo elettrico, un cane che abbaia al guinzaglio, una coccinella che si prende il suo tempo per volare via…).

Nel complesso, Cómo mandarlo todo a la mierda è una serie piuttosto divertente e facile da vedere tutta d’un fiato, una brillante aggiunta indie alla lista crescente di serie pop britanniche e statunitensi sulla cosiddetta gioventù perduta. Le persone più adulte potrebbero continuare a trovare difficile fidarsi della Generazione Z dopo averlo visto, ma dopotutto, sbagliare è sempre un'opportunità per ricominciare...

Cómo mandarlo todo a la mierda è prodotto dalla spagnola Boomerang TV, ed è rilasciato su HBO Max il 2 luglio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy