email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SHEFFIELD DOC FEST 2022

Recensione: A Bunch of Amateurs

di 

- Il film di Kim Hopkins, vincitore del Premio del Pubblico allo Sheffield DocFest di quest'anno, è un inno gioioso al potere del cinema e dello stare insieme

Recensione: A Bunch of Amateurs

"Dove troverai un campo di grano alto quanto l'occhio di un elefante a Bradford?" Questa domanda non turba affatto Harry nel suo tentativo di fare il remake dell'apertura del classico musical Oklahoma. E nemmeno il fatto che sia un ottuagenario e non sappia andare a cavallo. Dopotutto, il cinema trova sempre un modo.

In A Bunch of Amateurs – che ha avuto di recente la premiere mondiale allo Sheffield DocFest, dove ha vinto il Premio del Pubblico (vedi la news) Kim Hopkins racconta di Harry e gli altri membri del Bradford Movie Makers, creato quasi 90 anni fa, uno dei più antichi club di cineasti amatoriali del mondo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Iniziamo con un montaggio dei giorni di gloria del club, una sequenza di film d'azione amatoriali, epopee di supereroi e diari di viaggio, intervallati dalle attività del club, un vortice di cene annuali al sacco, discorsi e infinite tazze di tè.

Ma come il materiale da 8 e 16 mm su cui sono stati girati molti di questi momenti, i giorni di gloria sono molto lontani nel passato. L'edificio che ospita il club è ormai fatiscente, l'esterno è un deposito di rifiuti, pieno di graffiti, e l'interno cade a pezzi. Ci sono un gruppetto di membri, la maggior parte anziani. Mentre cantano insieme di fronte a una proiezione dell'amato Oklahoma, queste dure realtà vengono momentaneamente dimenticate.

Nel documentario Hopkins offre molti momenti di umorismo mentre i nostri protagonisti continuano a assecondare la loro passione per il cinema. Harry realizza le sue ambizioni musicali seduto su una sedia di fronte a uno schermo verde, aggrappandosi a una tracolla al posto delle redini di un cavallo. Altri membri si truccano di bianco per creare film horror a basso budget nella speranza di vincere il Premio per la Fotografia messo in palio dal club. Questi film probabilmente non si vedranno mai a Cannes, ma per i nostri intrepidi cineasti importa poco: i loro film sono pieni di gioia, esuberanza e passione come qualsiasi blockbuster ad alto budget.

Eppure il doc è tutt'altro che un puro esercizio per prendere in giro i nostri protagonisti – anzi, loro sono spesso inclini a prendersi gioco di se stessi con un laconico senso dell'umorismo del Nord Inghilterra. Mentre approfondiamo le loro vite personali, diventa chiaro quanto siano importanti i Bradford Movie Makers. Più che un semplice hobby, è un'opportunità per stare insieme per un certo numero di persone che stanno spesso da sole. Ci sono Harry e Colin, entrambi anziani che badano alle mogli malate. Phil, uno dei membri più giovani, si prende cura di suo fratello, che ha una paralisi cerebrale. Quando un membro è vittima di una tragedia, partecipa all'incontro settimanale semplicemente perché non sa dove altro andare.

Forse non è un caso che l'arco narrativo di A Bunch of Amateurs funzionerebbe nel più classico dei film hollywoodiani. Mentre la nostra banda di cinefili affronta gioie e tragedia, sembra che la pandemia fornirà a tutti noi un pessimo finale. Ma il cinema dà sempre una possibilità di riscatto a chi se lo merita.

Commovente e in fondo gioioso, A Bunch of Amateurs sembra perfetto per un grande festival. Ciò è in parte dovuto al fatto che, mentre siamo seduti al buio a guardare un film, è più divertente se lo facciamo con altre persone.

A Bunch of Amateurs è una produzione anglosassone di Labor of Love Films. Le vendite internazionali sono curate da Met Film Sales.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy