email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRIBECA 2022

Recensione: January

di 

- Amore e racconto di formazione sono raggiunti dalla dura realtà nel suggestivo film d'epoca di Viesturs Kairišs, che ha vinto il premio come miglior film narrativo internazionale al Tribeca

Recensione: January
Karlis Arnolds Avots in January

Ambientato nel 1991, January [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del veterano regista lettone Viesturs Kairišs è apparentemente una storia di formazione. Tuttavia il film - presentato in anteprima all’International Narrative Competition del Tribeca dove ha vinto il premio principale - è anche l’esame di un periodo tumultuoso della storia, poiché e incentrato sul movimento per l'indipendenza della Lettonia che incontrò una violenta resistenza, anche se poi l'URSS è crollata sotto il suo stesso peso. Il film è anche un inno a coloro che erano lì per documentare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

January inizia con il diciannovenne Jazis (Karlis Arnolds Avots) che gira filmati della polizia segreta russa che ha sequestrato la sala stampa statale per impedire agli occupanti di pubblicare ulteriori affermazioni secondo cui la Lettonia è uno stato indipendente. Nonostante il pericolo che sta correndo, Jazis rimane ancora piuttosto apolitico - le sue riprese della polizia sono insieme un atto di spensieratezza adolescenziale e un serio attivismo – e trascorre le sue giornate all'accademia d'arte.

Qui incontra Anna (Alise Dzene), con cui condivide l'amore per Jim Jarmusch e il desiderio di diventare registi. Ma la loro storia d'amore adolescenziale viene interrotta quando Anna ottiene uno stage con il documentarista lettone Juris Podnieks (Juhan Ulfsak).

Jazis inizia presto a capire la situazione politica che lo circonda e la vive con amarezza e delusione, pur  acconsentendo apparentemente a un periodo nell'esercito russo. Si ritrova rapidamente sulle barricate - dove i suoi compagni lettoni stanno aspettando potenziali invasori sovietici - per documentare tutto ciò che sta accadendo.

Come storia di formazione, January intercetta alcuni temi che ci sono familiari. Il piacere del primo amore, la delusione, l’angoscia e un risveglio politico che può cambiare profondamente una persona, sono tutti elementi affrontati in una storia che è – almeno in parte – autobiografica. Il film ha una spina dorsale narrativa piuttosto prevedibile. Man mano che andiamo avanti, il personaggio di Jazis spesso scivola nell’antipatia. Ma Avots fa un buon lavoro riuscendo a raccogliere il nostro consenso e guidarci verso l'ultimo terzo del film, in cui Jazis inizia a cambiare la sua visione.

Ma sebbene gran parte di January risieda in un territorio battuto, è allo stesso tempo un'opera dotata di un certo potere. Gran parte di ciò deriva dalla visione delle turbolenze politiche che caratterizzarono quel periodo. L'uso di filmati d'archivio reali e momenti di violenza contrastano con l'atmosfera frammentaria e leggermente surreale - che, come i filmati d'archivio, utilizza anche diversi formati e rapporti d’aspetto - mentre ci muoviamo tra la dura realtà e l'ingenua insularità della giovinezza. In effetti la malinconia onirica che pervade l'intero film è una testimonianza della meravigliosa fotografia del veterano dop polacco Wojciech Staroń.

Terminando con una dedica ai registi che hanno consacrato la loro vita a documentare l'oppressione e la violenza, la storia di fondo di January su uno Stato occupato che cerca di respingere i suoi oppressori sovietici sembra drammaticamente preveggente del clima politico odierno. Ma c'è anche qualcosa di affermativo e di audace in gioco, poiché la natura insensibile della giovinezza può ancora essere spronata in azioni che vanno al di là di se stessi. Questa natura tempestiva del film, insieme alla sua recente vittoria al Tribeca, dovrebbe dargli una meritata spinta verso festival e un’uscita certa in VoD.

January è una coproduzione lettone-lituana-polacca di Artbox, il Latvian Film Fund, Mistrus Media e Staron-Film. Le vendite internazionali sono curate da The Yellow Affair.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy