email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Concorso

Recensione: Frère et soeur

di 

- CANNES 2022: Arnaud Desplechin smuove le acque torbide di un profondo e violento odio fraterno radicato nel tempo e cerca un modo per ripulire l'acquario familiare dalle tenebre

Recensione: Frère et soeur
Melvil Poupaud e Marion Cotillard in Frère et soeur

A destra, Alice (Marion Cotillard), la celebrità del teatro, capace di inanellare singhiozzi e sorrisi senza che nessuno sappia dove sia la verità, che chiede del gin la mattina e conosce a memoria i bugiardini degli ansiolitici, antidepressivi e altri neurolettici che ingoia se necessario in dosi irragionevoli, urlando improvvisamente al farmacista: "che ne sai di me, cosa sopporto"? A sinistra, Louis (Melvil Poupaud), lo scrittore emarginato, sempre arrabbiato, sprezzante della mediocrità, amante dell'oppio, che mescola con violenza orgoglio e autoironia, ed è ossessionato dalla scomparsa del suo bambino cinque anni prima.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Risalendo con Frère et soeur [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentato in concorso al 75° Festival di Cannes, sul ring del terreno crudele, pieno di amore-odio, della famiglia Vuillard (figure archetipiche che sono tornate sotto diverse maschere nel corso di molti dei suoi film, tra cui Racconto di Natale [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Arnaud Desplechin monta un suo cavallo di battaglia ("ti fa amare i morti") in cui i personaggi sono così profondamente immersi nel loro cattivo karma che finiscono per crogiolarsi in esso per fermare la sofferenza, alimentando di proposito il fuoco dell'odio.

"Non ho niente in comune con te, voglio che tu vada in prigione, che non esca mai più, che sia punito per il tuo orgoglio". Incapaci di ignorare l'accumulo incistato di reciproche lamentele, Louis e Alice hanno adottato la soluzione di allontanarsi: non si parlano da anni e lei si rifiuta di incontrarlo. Va detto che quando il caso o la necessità li ha portati in presenza l'uno dell'altro durante il decennio precedente, hanno immediatamente provocato tali scintille di malvagità e esplosioni così spettacolari in ambienti altamente raffinati che il resto della famiglia e degli amici ora evita con molta attenzione di metterli nelle condizioni di doversi affrontare. Ma un evento del tutto imprevedibile, un terribile incidente stradale di cui sono vittime i genitori, li metterà ancora faccia a faccia...

Cercando di aprire la porta bloccata dell'odio e dell'incomunicabilità che impregna tutta la sua cinematografia, Arnaud Desplechin offre ruoli velenosi di prim'ordine ai suoi due straordinari protagonisti e tesse una rete narrativa molto controllata, alimentata da flashback e salutari fughe in cui i due "nemici" si spiano a distanza (evidentemente si amavano troppo ed erano divorati dalla gelosia, con un profumo incestuoso indescrivibile che aleggiava anche in lontananza) alimentando il loro temprato odio reciproco. Ma se il film si tiene perfettamente nella sua implacabile oscurità, i segnali della sua volontà di uscire  alla luce sono più artificiali e tutte le meccaniche liberatorie alla fine ne risentono. Come se per il regista francese non fosse nella sua natura voler fare a meno di mappa e bussola e buttare tutto in mare.

Prodotto da Why Not Productions in coproduzione con Arte France Cinéma, Frère et sœur è venduto da Wild Bunch International.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)


Photogallery 21/05/2022: Cannes 2022 - Brother and Sister

36 immagini disponibili. Scorri verso sinistra o destra per vederle tutte.

Arnaud Desplechin, Patrick Timsit, Marion Cotillard
© 2022 Fabrizio de Gennaro for Cineuropa - fadege.it, @fadege.it

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy