email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Un Certain Regard

Recensione: Corsage

di 

- CANNES 2022: La regista Marie Kreutzer e l'attrice Vicky Krieps si riuniscono per questo sguardo alternativo sulla vita dell'imperatrice Elisabetta d'Austria

Recensione: Corsage
Vicky Krieps (centro) in Corsage

"Alla gente non piacciono le cose eteree", dice Elisabeth, alias Sissi, di Vicky Krieps, a un inventore del cinema, spiegando perché la pellicola di celluloide potrebbe non prendere piede nell'Austria di fine Ottocento. Questo è uno dei tanti momenti ironici di Corsage [+leggi anche:
trailer
intervista: Marie Kreutzer
scheda film
]
, della regista Marie Kreutzer, decisamente etereo, proiettato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Da quando è apparsa dal nulla, recitando al fianco di Daniel Day-Lewis in Phantom Thread di Paul Thomas Anderson, Krieps è la persona di riferimento quando un regista ha bisogno di qualcuno che interpreti una musa misteriosa a cui gli uomini impediscono di sbocciare. Ma questa volta il personaggio che interpreta, l'imperatrice Elisabetta d'Austria, ha compiuto 40 anni e ne ha abbastanza degli uomini, o di chiunque altro, che le dicono cosa fare. È tempo di fare le cose a modo suo e di divertire se stessa, piuttosto che la popolazione in generale.

Il titolo "Corsage" può far pensare che questo film parli di una donna vincolata dalla società, ma Kreutzer si diletta anche a mostrare come anche gli uomini dell'epoca siano similmente tenuti in ostaggio dalle regole sociali del tempo. L'aristocrazia deve comportarsi in un certo modo e suo marito, Francesco Giuseppe (Florian Teichtmeister), sente il peso del mondo sulle sue spalle. La situazione politica del paese e dell'Europa non è buona per chi è stato eletto alla nascita, ma il fatto che la moglie abbia le rughe e i capelli grigi è ciò che lo renderà lo zimbello della popolazione. Ha quindi bisogno di una donna più giovane con cui farsi vedere per dimostrare che è ancora virile e forte. Sissi ne ha così abbastanza di lui che si prende pure la responsabilità di trovargli un'amante.

Siamo in Austria nel 1897. Le donne hanno la fortuna di vivere fino al quinto decennio, ma quando lo fanno, agli uomini non piace. L'imperatrice è annoiata dalla vita reale, soprattutto ora che è lì solo per svolgere funzioni cerimoniali. Le sue conversazioni con il marito avvengono di solito ai capi opposti di lunghe tavolate. Kreutzer utilizza efficacemente la distanza e le dimensioni dell'inquadratura per esprimere la natura delle relazioni in tutta l'opera. Anche i suoi figli sono cresciuti dalla domestica. Elisabeth decide di lasciare Vienna per un po', dirigendosi prima nel Northumberland, in Inghilterra, e poi in Baviera, dove incontra vecchie fiamme e amici. Il figlio non gradisce le voci che la madre abbia una relazione. Gli echi della storia di Lady Di si riverberano in questo quadro, in ogni bella inquadratura e sguardo suggestivo.

Il tutto è raccontato con una sensibilità moderna, in contrasto con la famosa rappresentazione di Sissi come giovane monarca obbediente fatta da Romy Schneider nei tre film su di lei realizzati per la televisione tra il 1957 e il 1959. La regista Kreutzer sottolinea la prospettiva moderna attraverso scelte musicali ingegnose, dapprima inserendo nella colonna sonora canzoni moderne e poi utilizzando la musica appositamente creata da Camille come parte diegetica dell'azione.

Qualcuno dirà che è il figlio segreto e reale di Spencer [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Pablo Larraín e di Maria Antonietta di Sofia Coppola, ma è meglio di entrambi. Questo film preciso, audace e intrigante ha sicuramente tutti i requisiti per partecipare al concorso. Kreutzer e Krieps hanno già lavorato insieme in We Used to Be Cool [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, su una giovane madre alle prese con la genitorialità, e qui possiamo trovare echi di quel film. Sarà il film preferito dagli hipster di Cannes, ed è difficile immaginare che quest'anno si vedranno film migliori su un matrimonio senza amore e sulla lotta di una donna per l'indipendenza.

Corsage è una coproduzione tra Austria, Lussemburgo, Germania e Francia, di Film AG, Samsa Film, Komplizen Film e Kazak Productions. Le sue vendite internazionali sono state affidate a mk2 films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy