email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IDFA 2021

Recensione: After a Revolution

di 

- Il racconto di Giovanni Buccomino della vita di un fratello e una sorella dopo la rivoluzione libica è ambizioso e tentacolare, ma non riesce a fare tutto ciò che si prefigge, cosa che probabilmente era impossibile fin dall'inizio

Recensione: After a Revolution

Il secondo lungometraggio documentario del regista italiano Giovanni Buccomino, After a Revolution, racconta di un fratello e una sorella prima separati dalla rivoluzione libica e poi riuniti dagli eventi che l'hanno seguita – e che continuano ancora oggi. Ambizioso e non del tutto compiuto, forse tenta l'impossibile. È stato presentato in anteprima mondiale nel Concorso internazionale del recente IDFA.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I titoli di apertura ci informano che quando è iniziata la Rivoluzione, Myriam e Haroun si trovavano su fronti opposti: lei  combatteva dalla parte dei ribelli e lui si era unito agli ultimi lealisti di Gheddafi nella città natale di entrambi, Bani Walid. Dopo che il dittatore è stato ucciso, lei, una professionista sanitaria, è rimasta disgustata dall'immediata presa del potere, dalle uccisioni inutili e dall'ondata crescente del ramo radicale e salafita dell'Islam, ed è passata dall'altra parte.

Il film inizia realmente alcuni anni dopo gli eventi del 2011, ma non specifica mai il periodo esatto. Questo è uno dei suoi problemi: anche se diverse didascalie ci aiutano a dare un senso a determinati segmenti, come un incontro di riconciliazione a Bani Walid, dove Haroun è bandito e Myriam non può intercedere – sebbene non capiamo se ciò sia dovuto al suo atteggiamento audace o alla sua affiliazione politica, o semplicemente perché è una donna – il documentario osservativo e di personaggi di Buccomino fallisce in parte a causa del compito praticamente impossibile che si prefigge, quello di dargli un chiaro sfondo politico e sociale.

Tuttavia, il film ha una grande quantità di intuizioni, emozioni ed eccitazione da offrire nei suoi 121 minuti, e non solo per gli spettatori interessati agli argomenti relativi alla primavera araba. I personaggi sono letteralmente eroi: Myriam è l'unica guerriera in prima linea del lato ribelle (chiamata "Dirty Rebel" dai suoi avversari e Doshka, dal nome di una mitragliatrice, dai suoi alleati), e Haroun è un determinato difensore del suo santuario locale che i salafiti continuano a distruggere e lui a ricostruire. Feroci e schietti, entrambi attraversano orribili prove per i loro ideali, che Myriam continua a sostenere essere sempre stati gli stessi nonostante inizialmente fossero su fronti opposti: stanno entrambi combattendo per la Libia.

Una cosa, tuttavia, su cui i gruppi tribali e le milizie che lottano per il dominio possono dire di essere d'accordo, anche se in realtà sappiamo che non è così. Quando Myriam si candida al parlamento, le vengono promessi voti da tutta la sua tribù, ma viene tradita il giorno delle elezioni. Perseguitata e minacciata, finisce in Tunisia con il marito e i figli, e Haroun la raggiunge quando viene ferito, dopo essere stato anche perseguitato sui social.

Quando Buccomino si concentra sui fratelli e sulla loro vita interiore, il film sboccia e coinvolge lo spettatore profondamente ed emotivamente. Forse non era nemmeno necessario usare in modo così eccessivo la partitura certamente bella del compositore polacco Jacaszek, o i flashback, che è un dispositivo che appartiene più al campo della finzione. Non che questo sia un approccio illegittimo, ma le emozioni che i protagonisti non trattengono quasi mai sono sufficienti per consentire al pubblico di connettersi con loro e sentire la loro difficile situazione; il che, c'è da presumere, era l'obiettivo fin dall'inizio.

After a Revolution è una coproduzione tra le italiane Bad Donkey Production e EiE Film, la canadese EyeSteelFilm e la società americana Urban Republic.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy