email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2021 Concorso

Recensione: Nr. 10

di 

- Il regista olandese Alex van Warmerdam torna con un film tipicamente inquietante e inclassificabile

Recensione: Nr. 10

Una delle regole non dette del cinema narrativo commerciale è che dovrebbe possedere la plausibilità, ma un'altra apparentemente contraddittoria è che un film dovrebbe sorprendere il suo pubblico. Il regista olandese Alex van Warmerdam gioca con entrambi gli impulsi nel suo ammaliante Nr. 10, che ha debuttato nella competizione ufficiale del Tallinn Black Nights Film Festival di quest'anno, con un effetto altrettanto sconcertante ed eccitante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film inizia come un dramma su piccola scala, incentrato sulle dinamiche interpersonali tra i membri di una troupe di attori mentre fanno le prove per il loro prossimo spettacolo. Günter (Tom Dewispelaere) vive da solo, e la sua routine consiste nell'essere prelevato ogni giorno da alcuni dei suoi colleghi nella loro auto per andare a teatro. La serietà di tutte le persone coinvolte e la mancanza di calore tra tutti i personaggi colpisce immediatamente: si evolvono in un'atmosfera sterile e piena di un'amarezza di basso livello, che sembra riecheggiare nello stesso spettacolo che stanno provando. Scene di aggressioni quotidiane, disaccordi e conflitti costituiscono il nucleo del dramma che tutti loro mettono in scena ogni giorno, e le composizioni rigorose e ferme del direttore della fotografia Tom Erisman, così come il montaggio tagliente e incisivo di Job ter Burg, contribuiscono a costruire un mondo sobrio e freddo, fatto di spigoli vivi e interazioni robotiche.

Assumendo la struttura di un dramma corale, il film segue a turno Günter, il suo collega di mezza età Marius (Pierre Bokma), il direttore dello spettacolo, Karl (Hans Kesting), e sua moglie, Isabel (Anniek Pheifer), che è anche un'interprete dello stesso spettacolo. Così apprendiamo che la moglie di Marius è molto malata e lo tiene sveglio di notte, rendendogli difficile imparare le battute, e che Günter e Isabel hanno una relazione. Tutti gli elementi puntano a un semplice dramma di coppia, tranne lo stile visivo chirurgicamente preciso del film e l'approccio impassibile dei personaggi a tutto. Al senso di inquietudine si aggiungono l'inspiegabile presenza di un uomo che spia Günter dalla sua auto, lo strano comportamento della figlia di Günter, Lizzy (Frieda Barnhard), il fatto casuale che apparentemente ha solo un polmone, e la consapevolezza che Günter è un orfano che è stato trovato da solo in una foresta.

Le cose prendono una piega più decisa verso lo strano quando uno sconosciuto su un ponte ferma Günter per sussurrargli una parola bizzarra all'orecchio. L'evento sembra scatenare qualcosa nell'attore che, dopo un violento litigio con Marius, lascia la città. Da questo momento in poi, il film stesso abbandona completamente il teatro, i suoi attori e il suo regista: non si vedranno più. L'impressione allora è di essere completamente al buio; i segni che ci avevano permesso di fare delle supposizioni sul genere del film e quindi su ciò che può accadere in esso sono tutti svaniti, e Nr. 10 è al massimo dell'eccitazione in questi pochi momenti prima di tornare infine in un territorio più prevedibile. Günter segue gli indizi lasciati dagli strani uomini che lo stavano spiando perché gli viene detto che lo aiuteranno a saperne di più su sua madre. Il luogo dove finisce e la rivelazione sulle sue origini sono completamente inaspettati, ma il film non gioca affatto sulla qualità sensazionale di questa notizia, lasciandoci decidere se crederci o meno. In effetti, le reazioni pacate di Günter e Lizzy e lo stile immutabilmente diretto del film sembrano minare di proposito le aspettative narrative. Ma a un livello meno concettuale, potrebbero anche riflettere un mondo in cui i personaggi sono così consapevoli di quanto in realtà sanno poco, che nulla li sorprende davvero.

Nr. 10 è stato prodotto dalla casa olandese Graniet Film e quella belga Czar Film & TV Brussels. La distribuzione in Olanda è gestita da Cinéart Netherlands B.V, mentre le vendite internazionali da Nine Film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy