email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2021 New Directors

Recensione: Inventory

di 

- Nel lungometraggio d'esordio di Darko Sinko, il protagonista fa un inventario della sua vita personale per capire il motivo per cui gli hanno sparato

Recensione: Inventory
Radoš Bolčina in Inventory

Perché qualcuno dovrebbe essere colpito da un proiettile apparentemente senza motivo? Questo mistero funge da innesco per una serie di eventi in Inventory [+leggi anche:
trailer
intervista: Darko Sinko
scheda film
]
, il lungometraggio d'esordio di Darko Sinko, regista sloveno che si è fatto un nome con i documentari di media lunghezza This Is Where I Live (2011), Revolt (2013 ) e Little Houses (2015). Inventory è appena stato presentato in anteprima nel concorso New Directors al Festival di San Sebastián.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In realtà, non c'è motivo per cui Boris Robič (Radoš Bolčina), un assistente tecnico di mezza età in un'università, venga colpito da lontano mentre si rilassa nel suo appartamento dopo una dura giornata di lavoro. È un uomo straordinariamente normale che vive in un appartamento normale e svolge un lavoro ordinario. Il suo matrimonio con Alenka (Mirel Knez) è rispettoso, ma non esattamente appassionato. Il loro figlio Mitja (Žan Koprivnik) si è trasferito e ha messo su famiglia. Boris ha pochi amici intimi e nessun nemico conosciuto. Non porta rancore verso nessuno e non ricorda nemmeno se ha incrociato qualcuno di particolare nella sua vita.

Questo rende difficile l'indagine sul caso, curato dall'esperto investigatore della polizia Andrej (Dejan Spasić, intravisto in Slovenian Girl [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Nightlife [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Damjan Kozole
scheda film
]
, di Damjan Kozole, oltre che in Consequences [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Darko Štante
scheda film
]
) di Darko Štante): non trovando indizi, l'ispettore lo attribuisce alla pura coincidenza. Boris, invece, non si sente al sicuro e vuole andare a fondo di questa cosa. In primo luogo, nessuno della sua cerchia di amici e familiari gli crede quando dice che gli hanno sparato senza motivo. E in secondo luogo, ha bisogno di dare un senso all'intera faccenda, quindi inizia a esaminare gli eventi da solo.

La sua indagine amatoriale in realtà assomiglia a qualcosa di simile a un inventario della sua vita, un riesaminare le sue relazioni e amicizie e trovare strane coincidenze. Ricorda una polizza di assicurazione sulla vita a suo nome che aveva dimenticato, il che rende sua moglie e suo figlio (che ha messo gli occhi sull'appartamento di Boris) dei possibili sospetti. D'altra parte, c'è un altro uomo con lo stesso nome, un giovane imprenditore privato che ha una relazione, e che lo renderebbe il vero obiettivo dell'attacco...

La premessa sarebbe un cortometraggio efficacissimo ma in un formato lungometraggio diventa troppo annacquato. Tuttavia, il film di Sinko non riguarda tanto l'indagine, ma piuttosto si concentra sull'inventario personale metaforico e sulla ricerca di un senso a coincidenze a volte spiacevoli e persino pericolose. Il casting di Radoš Bolčina nel ruolo di Boris è azzeccato: è principalmente un attore di teatro ed è più che capace di evidenziare gli aspetti più notevoli dell'ordinarietà di Boris, ma senza esagerare. Bolčina porta l'intero film sulle sue spalle e quando è abbinato ad altri attori di diversa sensibilità e background, sembra fluido e non sembra quasi fare alcuno sforzo.

Oltre alla sua abilità nel lavorare con gli attori, Sinko dimostra anche un forte senso estetico, impiegando inquadrature per lo più statiche con una certa simmetria per evidenziare la "quadratura" di Boris, e dipingendo l'immagine con una tavolozza di colori prevalentemente fredda ma luminosa, costituita principalmente da bianchi e grigi chiari, catturati dal direttore della fotografia Marko Brdar. Lo schema sonoro è piuttosto interessante grazie al sound design di Julij Zornik, mentre i cambiamenti tonali nella partitura musicale di Matija Krečič sono a volte troppo sgarbati. Tutto questo si combina per rendere Inventory un debutto di fiction sicuro ed elegante.

Inventory è una produzione della slovena December.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy