email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SHEFFIELD DOC FEST 2021

Recensione: From the 84 Days

di 

- Il film di Philipp Hartmann segue un gruppo di musicisti sperimentali boliviani rimasti bloccati in Germania nel 2020

Recensione: From the 84 Days

Nell'ultimo anno, le strade vuote sono diventate la norma. Quindi non sembra troppo insolito quando From the 84 Days [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, proiettato nella competizione internazionale di Sheffield Doc/Fest, inizia con un taxi che attraversa strade deserte di notte, portando il regista Philipp Hartmann dall'aeroporto a La Paz. Ciò che è insolito è che queste scene sono state girate a dicembre 2019, prima che le parole "coronavirus" e "lockdown" diventassero onnipresenti, e prima che il coprifuoco e lo stare a casa diventassero la norma.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L'atmosfera inquietante e spettrale della città si riflette nella discussione politica che si svolge in macchina sul nuovo governo provvisorio in Bolivia, che a quanto pare ha spedito tutto l'oro fuori dal paese e ha fatto affari sul litio. Ma Hartmann non è qui per fare un film sulla politica in Sud America, indipendentemente da quanto affascinanti possano essere questi frammenti. È venuto per filmare l'Orchestra Sperimentale per Strumenti Indigeni (OEIN). In macchina con lui c'è Carlos Gutierrez, direttore dell'OEIN, e Timo Kreuser, direttore dell'ensemble PHØNIX16 di Berlino. Si stanno preparando per due concerti congiunti che si terranno tre mesi dopo a Berlino e a Dresda.

L'OEIN è una di quelle orchestre che mescolano strumenti tradizionali con musica moderna composta da oggetti di uso quotidiano ricostruiti per produrre suoni. Creano il tipo di musica che fa pensare ad alcuni film di fantascienza, mentre altri pensano che sia un inferno per le loro orecchie. Ciò che viene rivelato sui boliviani attraverso la voce fuori campo del regista è che aiutano i bambini svantaggiati a conoscere la musica: sono i bravi ragazzi di questo documentario, che inizia davvero quando 25 musicisti si recano in Germania per i concerti, che vengono poi cancellati tre giorni dopo a causa della pandemia. Non possono uscire dal Paese perché i loro voli sono stati cancellati, vista la decisione del governo boliviano di chiudere le frontiere. I musicisti vengono portati in un'accademia musicale senza sapere per quanto tempo rimarranno bloccati in Germania. Saranno 84 giorni, e Hartmann continua a filmarli durante questo periodo mentre i boliviani, insieme a Kreuser, fanno musica insieme.

"Improvvisare è una conversazione in tempo reale", dice uno dei boliviani sul motivo per cui amano esibirsi basandosi sui sentimenti piuttosto che leggere gli spartiti. La musica è il modo in cui la maggior parte degli artisti comunicano meglio tra loro. Quando si scambiano suoni, si sentono a loro agio. Quello che eseguono è anche concettuale, quindi sembra appropriato che una delle prime canzoni che vediamo eseguire sia From the Seven Days di Stockhausen. È un brano musicale intuitivo con un'influenza teorica che dà il titolo a questo film.

C'è un elemento intuitivo in questo documentario anche nel modo in cui mescola storie sulla Bolivia che taglia il budget per la cultura e l'OEIN, con storie di vita durante il coronavirus e teoria musicale. Hartmann riesce a fare tutto questo dando all'OEIN una piattaforma tanto grande quanto quella che Wim Wenders diede al Buena Vista Social Club. Anche se questo film non avrà un impatto così mainstream, sicuramente troverà molti ammiratori.

From the 84 Days è una produzione tedesco-boliviana di Philipp Hartmann con la tedesca flumenfilm, con le boliviane OEIN e PHØNIX16.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy