email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SOFIA 2021

Recensione: German Lessons

di 

- Il debutto nel lungometraggio di Pavel Vesnakov è un viaggio lunatico attraverso i quartieri più squallidi di Sofia e segue il vagabondaggio di un uomo in piena crisi di mezza età

Recensione: German Lessons
Julian Vergov e Vasil Banov in German Lessons

"Qualunque cosa io faccia si rivela un errore", lamenta il protagonista di German Lessons [+leggi anche:
trailer
intervista: Pavel G. Vesnakov
scheda film
]
di Pavel Vesnakov, Nikola (Julian Vergov), un uomo sulla cinquantina arrabbiato pronto ad emigrare in Germania appena un giorno dopo la fine della sua condanna alla libertà vigilata, che gli era stata inflitta per aver picchiato il nuovo marito della sua ex moglie (Stefka Yanorova). Il suo temperamento caldo sembra averlo condannato a una serie di fallimenti consecutivi, e la nave per ottenere qualcosa nella vita è definitivamente salpata. Tranne quella dell'emigrazione. La Germania – emblema dell'ordine e destinazione utopica stereotipata per molti europei dell'Est – incarna il desiderio di una vita più regolare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tuttavia, anche l'idea dell'emigrazione non è sua, bensì appartiene alla sua giovane fidanzata (Elena Telbis). Sensibile ed emotivo nonostante il suo aspetto feroce, Nikola ha già nostalgia del mondo familiare che sta per lasciarsi alle spalle ed è esitante riguardo al risultato futuro del suo progetto di vita. Trascorre le ultime ore prima della partenza immerso in frenetici tentativi di mettere a posto i suoi affari, riconciliarsi con i suoi amici più cari ed eventualmente recuperare qualche occasione persa. Guidando attraverso una Sofia sporca e fatiscente, la sua unica compagnia è il sottofondo ripetitivo delle lezioni di tedesco per principianti registrate, il cane morto di suo padre nel bagagliaio della sua auto e una camicia bianca appena stirata sullo schienale del sedile del passeggero. È una camicia bianca molto speciale, che indossa per farsi coraggio per aver detto bugie bianche ai suoi genitori sospettosi (Vasil Banov, Meglena Karalambova) e che lo aiuta a sedare la loro ansia per i suoi imminenti fallimenti, oltre a placare il suo stesso nervosismo, colpa e vergogna.

German Lessons, che è stato proiettato al Sofia International Film Festival, è un film poetico e multistrato con sequenze malinconiche e contemplative ma abilmente montate, e una complessa narrazione che, tuttavia, si svolge in modo fluido e tocca questioni esistenziali universali e di attualità locale. Per il pubblico internazionale, è la storia personale avvincente di un uomo di mezza età che cerca disperatamente un’altra chance nella vita. La ricca e controversa tavolozza emotiva del personaggio principale è magistralmente veicolata sullo schermo da Julian Vergov. Qui, ha un aspetto trasandato e criminale in linea con la bassa autostima e il passato oscuro del suo protagonista. Per gli esperti di Europa orientale, l'angolo socio-politico è un ritratto sottile di un'epoca particolare e dei suoi valori. Trent'anni dopo la caduta del comunismo, Nikola, 50 anni, rappresenta una generazione che è stata educata in un sistema che è crollato prima che arrivasse il promesso futuro luminoso, quindi è stato costretto a costruirsi una nuova vita in un altro sistema. È una di quelle persone che non è mai riuscita ad adattarsi ma che cerca ancora la sua Arcadia, da qualche parte là fuori. In questo senso, German Lessons fornisce un ritratto di un sentimento comune che avvolge una Bulgaria in preda al fallimento e alla disperazione, ma anche una Bulgaria con una vaga speranza che la prosperità sia possibile all'estero.

Pavel Vesnakov, riconosciuto a livello internazionale per aver trasmesso messaggi audaci nei suoi cortometraggi, ha già dimostrato la sua propensione estetica per personaggi situati ai margini della società, in un ambiente cupo e privati dell'opportunità di fare qualsiasi mossa utile sulla scacchiera della loro vita. Il suo lungometraggio d'esordio è la somma matura di tutte le sue precedenti ricerche artistiche, tematiche e cinematografiche, ma anche uno studio avanzato e intuitivo di una società in decadenza.

German Lessons è prodotto dalla compagnia bulgara Moviemento, ed è coprodotto dalla tedesca Heimathafen Film e la britannica Jaegerfilm.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy