email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

POPOLI 2020

A Firenze il quarto Doc at Work – Future Campus europeo

di 

- Il Festival dei Popoli presenta il campus a cui partecipano 12 scuole europee con 12 documentari in free streaming e incontri con professionisti

A Firenze il quarto Doc at Work – Future Campus europeo
Una precedente edizione di Doc at Work – Future Campus

Dal 26 al 29 novembre il Festival dei Popoli presenta Doc at Work – Future Campus. I 12 film che compongono il programma offrono lo spaccato di una generazione di cineasti e cineaste emergenti che si sono formati nelle scuole europee, un’occasione per intravedere nuovi cammini nella relazione del cinema con il reale. Le scuole partecipanti in questa quarta edizione sono: CSC – Palermo; CISA; Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti; ERG – École de Recherche Graphique; ECAM; FAMU; HFF München; INSAS; La Fémis; LUCA; Master en Documental de Creación – UPF; NABA.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Oltre alla selezione di 12 documentari, gli studenti delle scuole di cinema parteciperanno ad un percorso formativo con filmmaker e professionisti del settore e ad un panel legato alla produzione di documentari in collaborazione con CNA Toscana. Dal 26 al 28 novembre sono previsti incontri in linea tra i registi e le registe della sezione e professionisti e autori di cinema documentario, come il regista londinese Ben Rivers e Eva Tourrent, direttrice artistica di Tënk.fr.

“Doc at Work Future Campus è un progetto in cui il Festival dei Popoli crede fortemente - spiega a Cineuropa la  responsabile del Campus Margot Mecca - un progetto che in questo anno così difficile abbiamo voluto come primo appuntamento di "Popoli reloaded" (alcuni film del festival verranno recuperati in sala in presenza dei registi nei primi mesi del 2021, ndr), nell'idea che il festival continui e lasci traccia oltre le date istituzionali. Da parte nostra si tratta di una scommessa sulle nuove generazioni, perché crediamo sia necessario riconoscere e appoggiare il lavoro degli esordienti facendolo conoscere al pubblico. Inoltre riteniamo che il festival possa costituire un ponte tra il momento della formazione e l'inserimento nel mondo professionale in ambito documentario, fornendo strumenti di riflessione e reti di contatti utili a proseguire al meglio il percorso cinematografico”.

I film della sezione saranno in free streaming sulla piattaforma PiùCompagnia in collaborazione con Mymovies.it qui. 12 sono i titoli in lingua originale che debutteranno online tutti i pomeriggi dalle 15:00 (in gruppi di tre) e rimarranno disponibili per le successive 72 ore. Da giovedì 26 novembre Keep Shiftin’ (Germania, 2020, 21’) di Verena Wagner, Around the Night (Belgio/Polonia, 2020, 20’) di Vassili Schemann e Prypiat Piano (Repubblica Ceca, 2020, 18’) di Eliška Cílková.  Da venerdì 27 Play Me, I’m Yours (Belgio, 2020, 14’) di Julia Palmieri, Wan Ju Wu (Spagna, 2020, 16’) di Isabela Quintana Bianchi e Mat et le Gravitantes (Francia, 2019, 25’) di Pauline Pénichout. Da sabato 28 Something is Burning (Spagna/Cile/Argentina, 2020, 22’) di Macarena Astete, Victoria Maréchal e Nicolás Tabilo; L’acqua Che Non Piove (Italia, 2019, 16’) di Emanuele Cantò e hier. (Belgio, 2019, 18’) di Joy Maurits. Da domenica 29 novembre Radio Riders (Italia, 2020, 13’) di Fabio Adriano Corbellini e Paola Piscitelli, Salvo (Italia, 2020, 29’) di Federico Cammarata e Intre Montes (Svizzera/Italia, 2020, 22’) di Antonio Valerio Frascella.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy