email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020

Lacci di Daniele Luchetti apre la 77ma Mostra di Venezia

di 

- In pre-apertura Molecole di Andrea Segre, girato a Venezia durante il lockdown. Annunciata la composizione delle giurie

Lacci di Daniele Luchetti apre la 77ma Mostra di Venezia
Lacci di Daniele Luchetti

Sarà Lacci [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Daniele Luchetti
scheda film
]
di Daniele Luchetti ad aprire, fuori concorso, la 77ma edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (2-12 settembre). Prodotto da Beppe Caschetto per IBC Movie con Rai Cinema, il nuovo film del regista di Mio fratello è figlio unico [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Daniele Luchetti
intervista: Riccardo Tozzi
scheda film
]
e La nostra vita [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
, è tratto da un romanzo di Domenico Starnone e si presenta come “un giallo sui sentimenti, una storia di lealtà ed infedeltà, di rancore e vergogna”. Protagonisti sono Aldo (Luigi Lo Cascio, da poco vincitore di un David di Donatello come miglior attore non protagonista per Il traditore [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Marco Bellocchio
scheda film
]
) e Vanda (Alba Rohrwacher), nella Napoli dei primi anni ’80. Il loro matrimonio entra in crisi quando Aldo si innamora della giovane Lidia. Trent’anni dopo, Aldo e Vanda sono ancora sposati. Dichiara il regista: “Lacci racconta i danni che l'amore causa quando ci fa improvvisamente cambiare strada e quelli – peggiori – di quando smette di accompagnarci”. Nel cast anche Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno, Adriano Giannini e Linda Caridi. L’ultima volta che un film italiano aveva aperto la Mostra di Venezia era stata nel 2009, con Baaria [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Giuseppe Tornatore.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La pre-apertura di quest’anno, il 1° settembre, è affidata invece al film documentario di Andrea Segre Molecole [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrea Segre
scheda film
]
, prodotto da ZaLab Film con Rai Cinema in associazione con Vulcano e Istituto Luce Cinecittà. Il regista di Io sono Li [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrea Segre
intervista: Andrea Segre
scheda film
]
ha girato questo film durante il lockdown, quando è rimasto bloccato a Venezia la città di suo padre e solo in parte anche sua. Lì stava lavorando a due progetti di teatro e cinema sulle grandi ferite della città: il turismo e l’acqua alta. Mentre girava il virus ha congelato e svuotato la città davanti ai suoi occhi, riconsegnandola alla sua natura e alla sua storia, e in qualche modo anche a lui. Ha raccolto appunti visivi e storie e ha trascorso quei giorni nella casa di famiglia, dove ha avuto modo di scavare nei ricordi di ragazzo e di figlio, che lo hanno trascinato più a fondo di quanto pensasse. "Per fare un film bisogna pensarlo, scriverlo, organizzarlo, girarlo”, dichiara Segre. “Per Molecole non c’è stato nulla di tutto ciò. Non mi sono nemmeno accorto di girarlo. L’ho vissuto ed è uscito da solo, in un tempo e una dimensione che non potevo prevedere. Molecole è sgorgato. Come l’acqua”.

Annunciata infine la composizione delle giurie della Mostra di quest’anno. Per il concorso Venezia 77, la presidente Cate Blanchett (leggi la news) sarà affiancata dalle registe e sceneggiatrici Veronika Franz (Austria) e Joanna Hogg (Gran Bretagna), lo scrittore italiano Nicola Lagioia, i registi e sceneggiatori Christian Petzold (Germania) e Cristi Puiu (Romania), e l’attrice francese Ludivine Sagnier. La giuria Orizzonti sarà composta dalla regista, sceneggiatrice e attrice francese Claire Denis (presidente), il regista spagnolo Oskar Alegria, la regista, sceneggiatrice e scrittrice italiana Francesca Comencini, e i produttori Katriel Schory (Israele) e Christine Vachon (Usa). Il Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” sarà invece assegnato da una giuria composta dal regista e sceneggiatore italiano Claudio Giovannesi, il direttore e programmatore di festival internazionali Remi Bonhomme (Francia), e la produttrice e direttrice di festival Dora Bouchoucha (Tunisia). Infine, la giuria Venice Virtual Reality vedrà schierati la regista e sceneggiatrice statunitense Celine Tricart (presidente), il regista britannico Asif Kapadia e l’autore di videogiochi giapponese Hideo Kojima.

AGGIORNAMENTO (25 August): L’attore statunitense Matt Dillon entra a far parte della giuria internazionale a causa dell'assenza di Cristi Puiu, impossibilitato a partecipare al festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy