email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Francia

Recensione: Terrible Jungle

di 

- Immersione folle nella Guyana francese per il primo lungometraggio di Hugo Benamozig e David Caviglioli sulla scia di Vincent Dedienne, Jonathan Cohen e Catherine Deneuve

Recensione: Terrible Jungle
Vincent Dedienne e Catherine Deneuve in Terrible Jungle

"Possiamo portare l'uomo fuori dalla giungla, ma non la giungla fuori dall'uomo". Non devi essere il Kurtz di Heart of Darkness o Apocalypse Now per fornire questo tipo di verità. Basta un po’ di punka locale (tritare dei farmaci, aggiungere solvente, gasolio, liquido di decapaggio dei metalli e cocaina) e il più ingenuo degli antropologi arriva molto rapidamente a incarnare questa fase della filosofia esistenzialista. Tale è infatti il destino del protagonista della (molto) sfrenata commedia Terrible Jungle [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il primo lungometraggio di Hugo Benamozig e David Caviglioli, lanciato il 28 luglio nelle sale francesi da Apollo Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo giovane è Eliott (Vincent Dedienne) che si ribella alla madre castrante Chantal de Bellabre (Catherine Deneuve), lei stessa un'antropologa molto rinomata, andando in missione nella Guyana francese, nella regione dell'Haut-Tampok, alla ricerca della misteriosa tribù degli indiani Otopis. " È ridicolo. Credimi, conosco la giungla, morirai laggiù", cerca di dissuaderlo sua madre e non ha tutti i torti, come scopre rapidamente suo figlio, il cui idealismo ("Voglio vivere con le persone, per parlare con loro, per rispettarle, per non trattarle come cavie") viene messo alla prova a contatto con la realtà.

Perché una volta individuati, i buoni selvaggi immaginari si rivelano minatori d'oro sfruttati, che vegetano in condizioni pietose, amanti del cibo spazzatura, alcol, sballo, telenovelas e viaggi lungo il fiume fino al vicino alimentari cinese. Ma Elliot l'intellettuale che ha già superato l'ostacolo delle guide disoneste (e pericolose) riesce ad essere accettato dalla "tribù", in particolare dal capo Albertine (Alice Belaïdi). Tuttavia, inizia a passare da un ruolo di osservatore scientifico a uno di riformatore sempre più incontrollabile. Il tutto mentre sua madre lo cerca con una pattuglia di gendarmi, un'incredibile banda di incompetenti guidata dal tenente colonnello Raspailles (Jonathan Cohen).

Il duo di registi si diverte molto nel distorcere all’estremo elementi ispirati alla realtà mescolando l’umorismo assurdo e comico con tutti gli ingredienti classici del film d'avventura nella giungla con il suo corteo di cattivi occidentali (Patrick Descamps in testa) motivati unicamente dall'attrazione dell'oro, i suoi soldati francesi inadatti alle vacanze, i suoi indigeni corrotti e stupefatti dalla modernità in una natura inquinata dal mercurio alla ricerca dell'oro (ma anche dall'amianto e da altre sostanze nocive), dai suoi incidenti di confine, o persino dai suoi esploratori che perdono la testa.

Avendo carta bianca, gli interpreti offrono performance su toni umoristici molto distinti che amplificano ulteriormente l'aspetto volutamente eterogeneo e caotico di un film divertente dove, per dare un esempio del registro contrastante del tutto, uno che è stato stordito con una pala commenta (con una voce fuori campo): "Questi primi momenti sono preziosi per il ricercatore. Senza saperlo, si lega a coloro che un giorno potrebbero essere definiti suoi amici".

Prodotto da 22h22 e da WY Productions, Terrible Jungle è venduto a livello internazionale da Indie Sales.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese da Manuela Salipante)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy