email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Repubblica Ceca / Slovacchia

Recensione: The Glass Room

di 

- L'amore lesbico sensualmente filmato da Julius Sevcik è un piacere per gli occhi, ma alla fine non porta nulla di nuovo sul tavolo

Recensione: The Glass Room
Hanna Alström e Carice Van Houten in The Glass Room

Il recente UK Jewish Film Festival ha ospitato la première britannica di un film ceco-slovacco, The Glass Room [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Julius Sevcik. In questa storia d'amore lesbica sensualmente filmata, una vita di tirannia, censura e persino un matrimonio separano brutalmente Liesel Landauer (Hanna Alström) e Hana (Carice Van Houten). Nonostante questo secolo di eterno conflitto – in cui i nazisti perseguitano i loro mariti ebrei, i comunisti intercettano le loro lettere d'amore, e persino i loro figli trovano difficile vederle insieme – le due si riuniscono in una struttura che (ironicamente) è stata costruita per celebrare il primo matrimonio di Liesel: il capolavoro architettonico di Von Abt, la Glass Room del titolo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film inizia negli anni '30 con la celebrazione del felice matrimonio di Leisel e Viktor (Claes Bang), sancito dalla costruzione della loro casa di fine secolo. Come ogni coppia benestante nella Cecoslovacchia degli anni '30, trascorrono le loro giornate dedicandosi a idilliache attività ricreative; la maggior parte del loro tempo libero sembra essere dedicato a crescere i propri figli all’aria aperta mentre intrattengono ospiti facoltosi. La vita incontaminata di Liesel si spezza presto, tuttavia, sotto il peso della storia. Viktor inizia una relazione, Hana confessa il suo amore per Liesel e, successivamente, la persecuzione nazista costringe all'esilio l'ebreo Viktor e i suoi figli. Hana, sempre fedele a Leisel, promette di tenere d'occhio la Glass Room nel corso degli anni. Durante l’estenuante periodo di occupazione tedesca e sovietica, le due donne devono prendere decisioni difficili per sopravvivere, lottando instancabilmente per tornare insieme.

I decenni volano, ma la storia conta molto poco qui. Attraverso una serie di narrazioni vittimiste, The Glass Room sottolinea il fatto che assolutamente nulla dovrebbe ostacolare la glorificata storia d'amore lesbica al centro della scena. Affinché Leisel e Hana siano felici insieme, i loro occupanti devono lasciare il paese; e lo stesso dovrebbero fare, suggerisce il film, i loro mariti ebrei. Questo lieve antisemitismo sembra dipingere gli ebrei con un affetto nostalgico, che è bene che rimanga nel passato. Nulla può ostacolare il lieto fine di Hana e Leisel, e tanto meno qualsiasi relazione eterosessuale che fin dall’inizio non desideravano.

I dialoghi in inglese sembrano più ispirati delle interpretazioni stesse. Mentre lo spirito libero di Hana aiuta Van Houten nella sua performance, la Liesel di Alström sembra particolarmente legnosa. Le sue parole, accuratamente pronunciate, suonano più rigide che contenute, mentre l'attrice si preoccupa più della sua dizione che di offrire gesti più naturali.

A parte questo, The Glass Room è davvero un film visivamente piacevole. Attinge da diversi predecessori cinematografici sotto l'occhio attento del DoP Martin Strba, sfruttando l'ampia illuminazione delle finestre di vetro e giocando con i riflessi. Allo stesso modo le location giocano molto bene con i concetti architettonici di compressione e decompressione; come un melodramma hollywoodiano degli anni '50, Liesel e Hana vagano entrambe in spazi claustrofobici, come se le loro ansie costanti rimanessero interiorizzate. Solo all'interno dello spazio espansivo, la protezione interna della casa di vetro, possono finalmente respirare.

Mentre tutto è bello, tuttavia, nulla è veramente innovativo nel film di Sevcik. Non porta nulla di particolarmente abbagliante, a parte alcune immagini piuttosto sbalorditive di un’opera di architettura brutalista. E forse c'è un barlume di speranza alla fine del film.

The Glass Room ha debuttato nei cinema cechi il 14 marzo 2019. È prodotto da In Film PrahaCzech TelevisionInvestito e TV JOJ; la sua distribuzione domestica e internazionale è gestita da Garfield Film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy