email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZAGABRIA 2018

Recensione: Lada Kamenski

di 

- I registi croati Sara Hribar e Marko Šantić hanno realizzato un film accattivante sull'industria e la posizione delle donne al suo interno, ma non all'altezza delle proprie ambizioni

Recensione: Lada Kamenski
Ksenija Marinković, Nataša Dorčić e Doris Šarić-Kukuljica in Lada Kamenski

Due giovani registi croati, Sara Hribar, al suo primo lungometraggio, e Marko Šantić, al suo secondo dopo Seduce Me [+leggi anche:
trailer
intervista: Marko Santic
scheda film
]
prodotto in Slovenia (ne ha anche un terzo quest'anno in Slovenia, Together), fanno squadra per Lada Kamenski [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che ha vinto quattro premi al Pula Film Festival, tra cui quelli per il miglior debutto e la miglior sceneggiatura per Hribar. Il film ha avuto la sua anteprima internazionale a Montreal ed è ora proiettato nella sezione Together Again del Zagreb Film Festival, dove entrambi i registi hanno partecipato in passato con i loro cortometraggi nel programma Checkers, la più importante piattaforma croata per registi emergenti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il nome Lada Kamenski appartiene a un personaggio immaginario, o almeno è quanto è portato a credere lo spettatore: è l'ex lavoratrice della storica fabbrica di abbigliamento Kamensko a Zagabria, oltre che zia del protagonista del film, il giovane regista Frano (Frano Mašković). Sta girando un film su di lei come protagonista di una storia sulla chiusura della fabbrica, e provina tre attrici di mezza età, tutte molto conosciute nel cinema e nel teatro croati: Ksenija Marinković (Mali [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antonio Nuić
scheda film
]
, Dall'altra parte
 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zrinko Ogresta
scheda film
]
), Nataša Dorčić (You Carry Me [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ivona Juka
scheda film
]
) e Doris Šarić-Kukuljica (Not All About the Money).

Oltre ai video dei provini in cui le tre attrici parlano del personaggio, ma anche della loro antipatia per l'idea stessa di provino, Frano opta per un metodo di prove poco ortodosso nel tentativo di identificare la persona giusta da ingaggiare: invita il trio a casa sua per un "incontro informale", ma senza dire a nessuna di loro che ci saranno anche le altre.

Mentre arrivano tutte a casa di Frano, e si godono il formaggio e il vino marocchino, ognuna delle attrici, nonostante la loro professata collegialità, cerca di convincere il regista in privato (di solito prendendolo da parte in cucina) che lei, e lei sola, è la scelta giusta per il ruolo principale. Nel frattempo, ciascuno di loro ha a che fare con la propria famiglia e/o problemi sentimentali sui loro telefoni. Le cose si riscaldano quando i confini tra le prove e le conversazioni informali si confondono e l'ego salta alle stelle.

Il film trae beneficio dalla sceneggiatura regolare di Hribar e dal montaggio diretto di Tomislav Pavlić che si adatta a una ragionevole durata di 71 minuti, così come dalla limitata ambientazione in una stanza, e il suo aspetto meta-cinematografico funzionerà sicuramente bene in patria, dove le tre attrici sono molto note. È anche facile collegare la storia della fabbrica un tempo prospera che è stata vittima della transizione con la storia recente e la situazione attuale in cui si trova la Croazia, così come dettagli minori di etichetta (un grosso problema per le personalità pubbliche), come il dilemma se debbano fumare all'interno o sul balcone, sono universalmente riconoscibili.

Tuttavia, la posizione e la mentalità di Frano non sono sufficientemente definite – sembra sorpreso dagli eventi e dalle reazioni che provoca lui stesso, e che risulteranno naturali alla maggior parte del pubblico – cosa che indebolisce la legittimità della visione del film sul ruolo delle donne nell'industria (che sia quella cinematografica o quella tessile), e sulla società in generale. Sarebbe un problema minore se Lada Kamenski non ponesse così direttamente questo aspetto come uno dei suoi temi principali.

Alla fine, Lada Kamenski è un piccolo film abbastanza guardabile, coinvolgente e stimolante, ma che non è all'altezza della sua ambizione dichiarata – specialmente per quanto riguarda il pensiero. È stato coprodotto dalle compagnie croate Sekvenca e Antitalent.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy