email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Concorso

Albert Serra • Regista di Tourment sur les îles

"Il personaggio di De Roller mi ha ricordato Donald Trump!"

di 

- CANNES 2022: Abbiamo parlato con il regista catalano dopo la bella accoglienza ricevuta dal suo stordente e ipnotico debutto in concorso a Cannes

Albert Serra  • Regista di Tourment sur les îles

La prima cosa che noti di Albert Serra è che sarebbe un ottimo soggetto per uno dei suoi film. Chi scrive queste righe non è mai rimasto così abbagliato dai giochi di un regista con il suo abbigliamento durante un’intervista: le sfumature, le pantofole, tutto. E poi c'è il suo stile di conversazione, molto articolato e talvolta volgare. Era di ottimo umore al Festival di Cannes, il giorno dopo la prima al Grand Théâtre Lumière di Tourment sur les îles [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Albert Serra
scheda film
]
, il suo lavoro più ambizioso e forse più potente fino ad oggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Definirebbe questo come un film che voleva realizzare da tutta la vita, o almeno da tutta la sua carriera artistica?
Albert Serra:
Non direi questo, perché forse intende dire che non posso essere più ambizioso o crescere più di così. È un processo di evoluzione, è vero. Apre le porte a qualcosa di totalmente diverso, più ambizioso e più folle. Per le persone che conoscono il mio lavoro nel mondo dell'arte, c'è ancora più output – il lavoro che ho fatto per la Biennale di Venezia. Non mi preparo; non ho un'agenda; non ho alcuna preoccupazione per la mia carriera. Mi concentro su ogni pezzo, sull'evoluzione delle immagini e sulle immagini che posso creare.

Potrebbe spiegare la risonanza del titolo internazionale (Pacifiction)?
È solo una fiction del Pacifico! E l'idea è questa: il film è pura fantasia – tocca il politico, tocca il contemporaneo e tocca gli umani e le relazioni umane, ma alla fine mi piace l'idea che sia esotico, artificiale e incredibile. Tutte queste relazioni tra queste due persone – De Roller e Shannah – sono quasi grottesche. È un ammiraglio che ha anche molti sottomarini atomici.

Com'è stata la preparazione sulle varie isole prima di iniziare a girare? Come ha trovato gli attori non professionisti, come i ballerini e i capi clan?
Ho fatto solo un viaggio, avrei dovuto girare immediatamente, e poi è arrivato il COVID-19. Preferisco la frizione di andare lì senza sapere nulla e stare con l'intera squadra. La frizione, gli scontri, lo shock. Questo crea innocenza e spontaneità. Ci sono molte cose che sfuggono al controllo: è l'incubo totale delle persone del settore. Vogliono tenere tutto sotto controllo perché è un’industria enorme e c'è poco tempo. Ma con questo, ottieni solo una cosa o l'altra: sei economicamente tranquillo, ma sei artisticamente fottuto.

Alla sua conferenza su Amos Vogel l'anno scorso al NYFF, ha parlato di quella che descrive come "la volgarità della narrativa". Aveva questa preoccupazione in mente durante la realizzazione di Tourment sur les îles?
Di solito, quando si parla di narrativa, è come se fosse una cosa per bambini. Sai: "Quello è il bravo ragazzo, quello è il cattivo – ho capito" o "Il diavolo, ok ok, sono corrotti, grazie mille". Stai pagando persone che ti dicono quello che già sai. Li paghi dieci dollari per darti immagini che hai già visto o una sensazione che hai già provato. In futuro non pagherai: ne hai centinaia su Netflix. È molto più economico avere 200 esempi della stessa merda, allo stesso prezzo – se vuoi davvero quel tipo di merda, quello è. Se vuoi cose buone, sarà più costoso.

Ma ha parlato di Chinatown come fonte di ispirazione: è sicuramente un esempio supremo di narrativa?
Beh, ha dei buoni attori, in particolare John Huston. Poi c'è tutta la confusione dell'ultima scena, il tema oscuro dell'incesto, e il tema della corruzione, con l'acqua. Il punto di vista è importante: Jack Nicholson è in tutte le scene del film e abbiamo solo le informazioni che lui ha. Siamo nella sua mente o nei suoi occhi. Quindi qui volevo fare la stessa cosa, ma in un modo più contemporaneo. C'è anche Perché un assassinio e Alla maniera di Cutter: c'è questo senso di paranoia che governa il mondo.

Vede De Roller come un riflesso dei politici di oggi, che potrebbero essere al centro dell’ideologia, come Macron o Biden?
Mi ha ricordato di più Donald Trump! Con il combattimento di galli e il "Ag-gghhh!" [imita il combattimento di galli]. Ok, sembra affabile, ma è anche un populista, poi molto amichevole e poi anche adorabile. Dopodiché, lo vedi come paranoico, poi come psicopatico. C’è qualche sorriso, ma sono quelli di uno psicopatico.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy