email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Concorso

Julia Ducournau, Vincent Lindon • Regista e attore di Titane

"Per i primi 25 minuti, dici: 'Aspetta un minuto, dove sono?!' E poi, lo capisci: dentro una storia d'amore"

di 

- CANNES 2021: Nel suo film in concorso, la regista francese introduce l'accoppiata più strana da La forma dell'acqua

Julia Ducournau, Vincent Lindon  • Regista e attore di Titane

Presentato nel concorso principale del Festival di Cannes, Titane [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Julia Ducournau, Vincent L…
scheda film
]
di Julia Ducournau non ha lasciato indifferenti con il suo misto di violenza, auto mostrate come oggetti sessuali e il tenero affetto che nasce tra Alexia, un'assassina in fuga (Agathe Rousselle) con una placca di titanio in testa, e un pompiere (Vincent Lindon) convinto che lei sia in realtà il figlio scomparso Adrien. Abbiamo parlato sia con Ducournau che con Lindon per approfondire il film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cineuropa: Pensando al tuo film precedente, Raw [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Julia Ducournau
scheda film
]
(che mostra una giovane vegetariana che sviluppa improvvisamente un desiderio di carne), sembri essere molto interessata al corpo e a tutti i cambiamenti estremi che può subire.
Julia Ducournau: Questo è ciò che mi aiuta a creare un legame tra il pubblico e i miei personaggi. La protagonista, Alexia, può apparire moralmente riprovevole e completamente estranea a tutti noi, e per una buona ragione: è una psicopatica. L'unico mezzo che potevo usare, per seguirla e farci entrare in tutto quello che lei stava passando, era far sentire quello che prova lei. Anche nel suo corpo. Quando vedi il dolore sullo schermo e lo senti come tuo, si crea un legame davvero molto forte.

Si può vedere questo dolore anche nel tuo personaggio, Vincent – ​​che sembra così forte e virile, quasi in modo stereotipato, ma in lui c'è anche fragilità.
Vincent Lindon: Quello che mi piace di lui, e del film in generale, è che gli uomini più "virili" di solito nascondono il loro lato femminile. È un pompiere forte, ma ho cercato di avvicinarmi a lui proprio come mi avvicinerei a un personaggio femminile. Una persona molto sensibile, completamente persa, in attesa di incontrare qualcuno, chiunque. La prima persona con cui si sente bene [che è Alexia], beh, ci va e basta.

Amo questi personaggi che sembrano così potenti all'esterno, e poi dentro hanno tanta tenerezza, dolcezza e umanità. Più mi preparavo prima del film, più mi allenavo per costruire il mio corpo, più mi sentivo come Agathe. È difficile per me dire la differenza tra lei e me. Lei è Adrien e io sono Vincent Legrand, ma per me sono solo due persone perse. È una vecchia storia, si potrebbe dire, perché i film di Julia trattano sempre lo stesso argomento: l'amore.

È una storia d'amore, ma anche sulla famiglia. I due sicuramente trovano rifugio l'uno nell'altro. Come hai visto il formarsi di questo insolito legame?
J.D.: Creare questo senso di amore incondizionato, questo amore assoluto, era proprio quello che volevo fare. Ciò che volevo dire, e mostrare, è che queste persone, che certamente non sono determinate a prendersi cura l'una dell'altra, nemmeno destinate a incontrarsi, possono ancora trovare ciò di cui hanno bisogno. In realtà, se si incontrassero in circostanze diverse, forse si ucciderebbero a vicenda, chissà? Sono due titani, pronti per la battaglia. Stai quasi aspettando che si scontrino. Eppure eccoli qui, a creare questa nuova famiglia, fuori da ogni legame sociale. Volevo dimostrare che, in realtà, possiamo scegliere chi diventare.

V.L.: Se avessi solo due secondi per dire ciò che amo di questo film, sarebbe questa coppia: è lui e lei, lui e lui, lei e lei. Questo è tutto. Non mi interessa da dove vengono, quale sia il colore della loro pelle o quale sia il loro genere: sono solo due esseri umani che si uniscono. È più forte di qualsiasi altra cosa al mondo. È l'unica cosa che vedo nel film. È stato esattamente lo stesso con La forma dell'acqua di Guillermo del Toro. Per i primi 25 minuti, dici: "Aspetta un minuto, dove sono?!" E poi, sai che sei dentro una storia d'amore. È tutta una questione di amore, ed è l'unica cosa a cui tengo anche nella mia vita quotidiana. Ma quello che mi è piaciuto di più è stato come ne ha parlato Julia perché la sua voce è completamente fresca e completamente diversa.

J.D.: C'è una frase del famoso scrittore e filosofo francese Michel de Montaigne, che aveva un rapporto molto speciale con un altro scrittore francese, Etienne de la Boétie. Diceva, quando parlava del loro legame, che era anche assolutamente intenso: “Se sono spinto a dire perché lo amavo, sento che si spiega solo rispondendo: ‘Perché era lui; perché ero io'". E questo è tutto quello che c'è da sapere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy