email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CPH:DOX 2021 Nordic:Dox Award

Tuija Halttunen • Regista di How to Kill a Cloud

"Le nuvole sono come personaggi e rappresentano qualcosa che va oltre la comprensione umana"

di 

- La regista finlandese ci racconta come ha realizzato un film sull'etica piuttosto che sulla scienza

Tuija Halttunen  • Regista di How to Kill a Cloud

La regista finlandese Tuija Halttunen parla del suo documentario How to Kill a Cloud [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tuija Halttunen
scheda film
]
in cui mostra le ricerche scientifiche su come controllare le nuvole negli Emirati Arabi Uniti e con cui parteciperà al concorso del festival CPH:DOX.

Cineuropa: Può parlarci di come è nato How to Kill a Cloud?
Tuija Halttunen: Circa dieci anni fa, ho letto un libro sulle nuvole, e poi ho pensato che mi sarebbe piaciuto realizzare qualcosa su di esse poiché sono veramente affascinanti. Ma ritenevo che non vi fosse la giusta angolazione o il giusto punto di vista per farlo. Poi, circa quattro anni fa, ho sentito parlare di questa scienziata finlandese che aveva ricevuto un enorme finanziamento da parte degli Emirati Arabi Uniti. E immediatamente ho pensato, beh, questa è la storia che voglio raccontare. E ho contattato Hannah. Ha risposto di sì e se i finanziatori erano d’accordo avrebbe preso parte al progetto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come è stato il primo incontro con Hannele Korhonen, la scienziata che insemina le nuvole?
Sono andata nel suo ufficio. Abbiamo pranzato insieme e abbiamo parlato per un bel po'. Le ho detto fin da subito che il mio obbiettivo non era realizzare un film scientifico, ma più che altro un film sull’etica, su persone che giocano a fare Dio o che cercano di controllare la natura. Lei ha risposto dicendo che era d’accordo ma voleva che la sua vita privata rimanesse al di fuori del film. E questa è stata l’unica cosa che mi ha fatto riflettere un po', come posso raccontare la storia in modo tale da avere una vera e propria protagonista senza mostrare la sua vita privata? Questo è stato un problema. È stato piuttosto difficile, ma volevo realizzare questa storia a tutti i costi.

How to Kill a Cloud è un titolo piuttosto aggressivo per la sua tematica. Perché ha scelto “kill” al posto di “seed”?
Perché non ho scelto “How to Seed a Cloud”? Ciò avrebbe dato l’idea che si trattasse di un film scientifico, cosa che non è. Avrebbe orientato le aspettative del pubblico verso la direzione sbagliata. Non ho mai pensato che il titolo fosse aggressivo, ma è probabile che abbia cercato inconsciamente di rendere le nuvole e la natura come una sorta di personaggio all’interno del film – le nuvole sono come dei personaggi e rappresentano qualcosa che va oltre la concezione umana. Probabilmente è questo che volevo sottolineare con il titolo, ma è difficile dirlo a posteriori – e perché lo è? Sono una regista molto istintiva, non sempre ricordo perché ho scelto di fare una certa cosa.

Controllare le nuvole implica la morte della natura?
Le nuvole, per me, rappresentano il tempo e la storia, considerando che la vita degli umani se comparata all’esistenza delle nuvole è molto breve. Volevo rappresentare la natura come un qualcosa di più ampio di un semplice bersaglio per la scienza umana o di una fonte da cui trarre vantaggi per le nostre vite. Volevo che le persone riflettessero anche su questo aspetto. Sento che noi umani siamo parte di una più ampia essenza nata dalla natura che ci circonda – non siamo due cose separate. Quando Hannele mi ha parlato di quanto fosse dura la vita di una nuvola, mi ha fatto davvero pensare che avrei potuto rappresentarle nel film come un personaggio.

Il documentario mostra come l’inseminazione delle nuvole sia stata usata in parte nella guerra del Vietnam. Bisogna preoccuparsi?
Per qualche motivo, molte nuove invenzioni finiscono per essere usate come armi, e questo è un qualcosa su cui dovremmo riflettere. Quando stavamo girando il film, alcune persone sono venute a dirmi che controllare l’atmosfera è un qualcosa di tanto grande quanto la scissione dell’atomo poiché è un modo per controllare il mondo. E questo mi ha fatto piuttosto preoccupare riguardo ciò che potrebbe accadere se la comunità internazionale non mettesse in atto le norme e i regolamenti e se non controllasse il comportamento dei paesi in merito a queste norme.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Ilaria Croce)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy