email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VISIONS DU RÉEL 2021 Concorso

Tomasz Wolski • Regista di 1970

“Non puoi sempre concentrarti su ciò che è difficile. Ogni tanto devi fare una battuta”

di 

- Nel suo ultimo film, il regista polacco torna indietro nel tempo solo per rendersi conto che alcune cose non sono cambiate

Tomasz Wolski • Regista di 1970

Dopo An Ordinary Country, Tomasz Wolski si concentra in 1970 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tomasz Wolski
scheda film
]
sulle proteste polacche innescate da un improvviso aumento dei prezzi. Ma il film, proiettato a Visions du Réel, si focalizza anche sulle conversazioni telefoniche intercorse tra i dignitari comunisti, che fanno del loro meglio per fermare le rivolte prima che si intensifichino ulteriormente.

Cineuropa: Di solito non amo le ricostruzioni nei documentari. Ma introducendo l'animazione in stop-motion, lei è riuscito a trovare un'altra soluzione.
Tomasz Wolski: Tutto è iniziato quando stavo lavorando a An Ordinary Country. Ho trovato questi materiali audio, telefonate tra lo staff dell’unità di crisi del ministero degli Affari esteri. In quell'altro film ho lavorato con gli attori, cercando comunque di evitare ciò che hai appena menzionato, perché anche a me dà fastidio. Qui, abbiamo deciso di ricreare questi uffici in miniatura e di dar vita a qualcosa che sembrasse una fotografia in movimento con l'aiuto di pupazzi in stop-motion. Dopodiché, ha avuto senso animare alcune parti del film. Queste marionette sembrano davvero molto simili agli uomini che sentiamo parlare. Il nostro direttore dell'animazione, Robert Sowa, ha prestato molta attenzione a questo aspetto. Non si trattava di essere accurati al 100%, ma ha cercato di verificare se erano alti o bassi, o se avevano sopracciglia davvero folte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
EFP hot docs

Le loro conversazioni a volte sono piuttosto assurde. Si rivolgono tra di loro in modo affettuoso, qualcuno mangia... Tutto è in totale contrasto con il caos che avviene fuori.
Forse erano semplicemente consapevoli di essere registrati? Perché esistono queste registrazioni? Ogni volta che le conversazioni stavano per prendere una piega più personale, qualcuno la spegneva. Mi è stato detto che forse era per scopi educativi, per analizzare in seguito cosa è andato storto. O forse volevano fare pressione su qualcuno?

Tutto si svolge come un "thriller telefonico". Ma è anche molto significativo che non si sentano le persone che stanno protestando.
Queste scene sono state registrate su pellicola, senza audio, principalmente dai servizi di sicurezza. Con Marcin Lenarczyk, il nostro sound designer, abbiamo dovuto ricreare l’audio. Per quanto riguarda la costruzione del “thriller telefonico”, che è un termine interessante, volevo che prima venissi a conoscenza di queste cose e solo dopo le vedessi sbrogliare. Ti costringe a usare la tua immaginazione.

Non tratto 1970 come un film storico – uso la storia come scusa per rivelare qualcosa di più. La storia tende a ripetersi: ora possiamo vedere le cose di cui sentivamo solo parlare. Non volevo che lo spettatore si preoccupasse troppo di tutti questi dettagli. Se ti piace il film, potrai raccogliere informazioni più avanti. Inoltre, [il direttore del Festival di Cracovia] Krzysztof Gierat mi ha detto, e aveva ragione, che neanche i giovani spettatori polacchi conoscono questi nomi. La mia ipotesi è che il fatto che il film sia arrivato fino in Svizzera dimostra che può essere compreso. Volevo avviare una discussione su cosa sia veramente il potere, sui suoi meccanismi e sul perché i nostri leader preferiscono inviare un esercito piuttosto che parlare con la gente. È un tema universale, sia che si pensi alla Polonia degli anni '70 o alla Polonia del 2021, alla Bielorussia o agli Stati Uniti.

Non si può negare che siano stati eventi molto cupi, ma di tanto in tanto ho anche riso. È rimasto sorpreso dall'umorismo nero che in qualche modo si è insinuato nel film?
Cerco sempre l'umorismo nero. Devi disarmare un po' tutta questa serietà. Non puoi sempre concentrarti su ciò che è difficile: ogni tanto devi fare una battuta. Questo film è qualcosa che non avevo visto prima perché mostra questi eventi dal punto di vista degli autori. Ho visto filmati delle vittime, ho sentito le loro famiglie, ma mai i responsabili di questa tragedia. Volevo che gli spettatori empatizzassero anche con loro ad un certo punto. A quanto pare si preoccupavano di salvare la loro gente, o forse pensavano che farli morire non sarebbe stato un bene per il morale. Ad ogni modo, mostrano il loro lato umano. Le persone non sono solo cattive.

Abbiamo cercato di differenziare questi due mondi. Fuori, le persone stanno combattendo per il pane, mentre questi uomini stanno seduti circondati da arance, bottiglie e uva. C'è questa divisione. E quando raggiunge livelli veramente estremi, la gente scende in strada.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy