email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2020 Concorso

Sharunas Bartas • Regista di In the Dusk

"Questo movimento partigiano è una storia molto importante per la memoria della nostra nazione"

di 

- Cineuropa ha incontrato Sharunas Bartas a San Sebastián per parlare di In the Dusk, di storia sovietica, resistenza e di come avere la giusta razza di pecore sia necessario per la veridicità storica

Sharunas Bartas • Regista di In the Dusk
(© Montse Castillo/Festival de San Sebastián)

Il nono lungometraggio di Sharunas Bartas, In the Dusk [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sharunas Bartas
scheda film
]
, selezionato in concorso al Festival di San Sebastian, racconta la storia del movimento partigiano che resistette all'occupazione sovietica in Lituania nel 1948. Abbiamo approfondito il tema con il regista.

Cineuropa: Perché le interessava realizzare un film ambientato in Lituania subito dopo la Seconda guerra mondiale?
Sharunas Bartas:
La situazione era particolarmente importante per la Lituania in quel momento. Non c'era una resistenza diretta organizzata dal governo lituano contro l'occupazione sovietica. Di conseguenza, molte persone dell'esercito crearono il proprio movimento di resistenza clandestino. I partigiani si nascosero nelle foreste mentre si combatteva per l'indipendenza della Lituania contro l'Unione Sovietica, con il piano di riemergere quando l'indipendenza fosse assicurata. Non è mai successo. Beh, non fino a 50 anni dopo, con un movimento completamente diverso. Tuttavia, questo movimento partigiano è una storia molto importante per la memoria della nostra nazione perché la resistenza sovietica contro di loro è stata molto crudele. Morirono tutti. Ovviamente molte persone sono state uccise anche nei Gulag e in Siberia. Questo movimento di resistenza armata è durato due decenni. È importante, poiché ha fatto capire ai lituani che dovevamo lottare per la nostra terra.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Il film inizia come un dramma familiare. Ci sono omicidio e adulterio in questa fattoria, prima di conoscere il movimento partigiano. Perché si è approcciato in questo modo?
Il dramma familiare è ovunque. Le famiglie esistono in ogni situazione e parliamo di tutto con loro. Quello che succede fuori dalle nostre case non ha molta importanza, poiché la famiglia viene prima di tutto, quindi è per questo che ho messo il dramma familiare in primo piano nel film.

Ci può parlare dell'illuminazione nel film? A volte sembra molto buio, e c'è un grande utilizzo di luci e ombre.
Volevo che l'illuminazione fosse così perché dopo il 1919, quando ottenemmo l'indipendenza dall'impero russo, ci fu la riforma agraria. Ai grandi proprietari terrieri fu sottratta la terra e fu ordinato di darla ai contadini. Tutti dovevano ricevere 10, 20 o 30 ettari. Questi nuovi proprietari costruirono case sulla propria terra perché tutti volevano stare nei propri campi. Quindi la Lituania era insolita in questo senso, poiché c'erano molte case lontane dal villaggio locale. Ancora oggi, vedi campi con dentro giardini e vecchie rovine. Questo indica che un tempo questo era un luogo dove una famiglia viveva sulla propria terra. Questi edifici sono caduti in rovina, perché non c’era l’elettricità e nessuno voleva trasferirsi in case senza elettricità. Queste case erano illuminate da candele e lampade a olio. L'idea della luce per il film era di replicare quell'estetica.

È stato difficile riprodurre gli anni Quaranta in generale?
È stata molto dura. Non abbiamo più case come quelle che esistevano allora, quindi abbiamo dovuto costruirle noi. Abbiamo dovuto portare le pecore. A quel tempo, anche le pecore erano diverse. Non ci sono quasi pecore della razza più comune all'epoca. Quindi abbiamo dovuto portare le nostre pecore e hanno iniziato a procreare sul set. Inoltre, ogni pezzetto di carta che vedi nel film era in circolazione prima del 1948.

La Lituania sembra sempre avere questa paura che la Russia prenda il sopravvento. È una costante, anche oggi?
L'invasione della Russia è avvenuta più di una volta nella storia lituana, quindi la paura è comprensibile. L'Impero russo l'ha fatto. Successivamente, i sovietici hanno preso il controllo di tutti i paesi baltici, non perché volessero la terra, ma per la posizione strategica sul Mar Baltico. Era rivolta a Ovest. Tutte le guerre dovevano passare attraverso la Lituania. Nessuno sa cosa accadrà in futuro. Solo tre giorni prima della recente guerra in Ucraina, nessuno sospettava che sarebbe successo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy