email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Orizzonti

Christos Nikou • Regista di Apples

"Amo sempre i film che cambiano un po' le regole della nostra società"

di 

- VENEZIA 2020: Il regista Christos Nikou parla con Cineuropa di Apples, il film d'apertura della sezione Orizzonti di Venezia

Christos Nikou • Regista di Apples
(© Christos Nikou)

Christos Nikou è stato assistente alla regia di Dogtooth [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
. Ora debutta alla regia con l’indimenticabile Apples [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christos Nikou
scheda film
]
, che apre la sezione Orizzonti della 77ma Mostra di Venezia, e che si svolge nel mezzo di una pandemia globale. Suona familiare? In questa, tutti perdono la memoria. Il nostro “eroe”, Aris, va in riabilitazione e gli viene detto che deve creare nuovi ricordi, quelli giusti, seguendo le istruzioni sulle audiocassette. Il regista ci ha raccontato anche altro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Qual è stata l'ispirazione per Apples?
Christos Nikou: Mio padre mangiava circa sette o otto mele al giorno e aveva una memoria incredibile. Ho sempre in mente quest’immagine di lui che mangia mele. In un certo senso, è lui il motivo per cui ho scritto questa sceneggiatura. Ho iniziato a scriverla poco dopo la sua morte. Stavo cercando di dimenticare la sua perdita e non riuscivo. Cercavo di affrontarla. Allo stesso tempo, volevo capire perché le persone dimenticano così facilmente e come la nostra memoria può essere selettiva in modo da poter dimenticare qualcosa che fa male. Forse in fin dei conti siamo solo tutto ciò che non dimentichiamo?

Il personaggio principale perde la memoria. Hai dovuto fare molte ricerche sull'amnesia?
Ad essere onesti, non ho fatto molte ricerche. Ho provato a seguire il mio istinto in un certo senso, perché i film sono come le favole, quindi non dobbiamo seguire tutte le regole alla lettera. E non mi sono consultato con un dottore. Ovviamente ho visto molti film sull'amnesia. È stato più che un aiuto.

Quali film hai visto?
Mi sono sempre piaciuti i film che cambiano un po’ le regole della nostra società - come fa Charlie Kaufman con i suoi film, o come fa Leos Carax con Holy Motors [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Leos Carax
scheda film
]
. Abbiamo cercato di creare un mondo surreale con una condizione diversa, molto simile a quella che stiamo vivendo ora. Abbiamo creato questa situazione in cui l'amnesia si diffonde come un virus. È un po’ come nel romanzo Cecità di José Saramago, in cui tutti diventano ciechi. È un'allegoria. Certo, è surreale che il mondo intero soffra di amnesia, un po’ come adesso.

L'attore protagonista, Aris Servetalis, sembra un prete di un vecchio dipinto religioso.
Prima di tutto, Aris è una persona molto religiosa. Ricordo che una volta abbiamo girato alcune scene di domenica mattina e lui ha detto: "Ma la domenica mattina devo andare in chiesa." Ho detto: "Sì, ma dobbiamo girare". È il suo aspetto normale. E io volevo proprio quest’aspetto. È un grande attore che ammiro molto. Ha recitato nel mio cortometraggio. Ha iniziato come ballerino e ciò che amo di lui è che sa dire molte cose in modo molto minimalista e usa il linguaggio del suo corpo davvero bene. È uno strumento eccellente con cui giocare, per un regista. Ho scritto la sceneggiatura pensando a lui.

La voce sulle audiocassette che durante il film sentiamo dare istruzioni ad Aris sembra tratta da un reality in TV.
L'ho presa in prestito da 1984. Il Grande Fratello ha preso l'idea da 1984 - ricorda, era il nome della persona che parlava alla gente. La voce dell'attore suona molto strana, come una rana. In qualche modo, ciò che volevamo trasmettere con questa voce è che le persone non conducono la propria vita; seguono le istruzioni. In primo luogo, volevamo commentare i social media e il fatto che alla gente interessa più farsi un selfie o essere su TikTok che vivere il momento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Ernesto Leotta)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy