email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VISIONS DU RÉEL 2020

Cláudia Varejão • Regista di Amor Fati

"I personaggi del mio film sono gli eroi della vita; sono i miei eroi"

di 

- Abbiamo parlato con la regista portoghese Cláudia Varejão per saperne di più del suo titolo selezionato a Visions du Réel Amor Fati

Cláudia Varejão  • Regista di Amor Fati

Cláudia Varejão ritorna al Concorso lungometraggi internazionali di Visions du Réel con Amor Fati [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cláudia Varejão
scheda film
]
, un film che ritrae individui con somiglianze sorprendenti che hanno legato nonostante le loro storie apparentemente contrastanti. Abbiamo parlato con la regista per saperne di più sul documentario.

Cineuropa: Che cosa l’ha ispirata a creare questo film?
Cláudia Varejão:
Non è stato un percorso dritto e lineare. L'idea nasce da qualcosa che facevo da bambina: abbinare le persone. Per me molte coppie erano troppo simili, quasi come fratelli. Pensavo che le persone mi mentissero, dicevo: "Devono essere fratelli!". Ma poi ho iniziato a rendermi conto che quando le persone si amano o hanno un carattere simile, finiscono per assomigliarsi. Nel 2008, cominciai un corso di fotografia e uno dei miei progetti riguardava persone che si assomigliavano. Non l'ho mai finito. Dopo Ama-San [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, ero esausta – e ho attraversato un periodo piuttosto difficile – così ho deciso di girare un film qui, con questo, che era qualcosa di facile da controllare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La dualità visiva che deriva dagli attributi fisici dei personaggi è abbastanza evidente. Il titolo si riferisce a un concetto che ha molto a che fare con il proprio modo di "essere" nella vita. Come ha sviluppato la connessione tra questi due aspetti?
Il titolo mi è venuto all'inizio del progetto. Ho pensato che fosse il titolo giusto perché racchiudeva questa idea di mistero. E le relazioni sono un mistero. Amor Fati parla anche di accettare le cose mentre accadono, siano esse buone o cattive. Queste due idee si sono unite e hanno aperto le porte al film. È come un faro: a volte passa, solo per ricordarti che è lì e ti guida.

Potrebbe anche essere una strategia di riprese, quella di lavorare con il presente, testimoniando momenti della vita quotidiana dei personaggi.
Questo è un concetto così ampio. Puoi vederlo nella struttura, nelle vite dei personaggi e anche nella tua interpretazione del film. Non è un film facile: non funziona con le aspettative. Le cose accadono mentre la vita accade. È un ritratto che io stessa ho sperimentato e vissuto durante la creazione. Non appena ho iniziato le riprese, ho perso il controllo del film, le vite dei personaggi si sono imposte e le connessioni che ho cominciato a trovare erano sottigliezze minori. La maggior parte viene dal montaggio.

Riconosciamo la "mano" del montatore nel processo di costruzione di connessioni consapevoli e delicate. E all'interno di queste connessioni, vediamo la somiglianza ma anche i contrasti estremi.
Volevo davvero creare un denominatore comune, una linea che attraversasse tutti loro, a prescindere dalle loro differenze. Potevamo andare da una parte completamente opposta, ma c'era sempre qualcosa che dava una certa continuità alla loro connessione. Ho iniziato a realizzare alcuni parallelismi: musica, vita, morte... Si trattava di lavorare con il presente e l'intuizione. E lo abbiamo fatto anche nel processo di montaggio.

Il suono è uno dei tanti elementi che facilita questi collegamenti. Si va dalla musica classica alla techno.
Queste persone hanno molto in comune: questi personaggi vivono ai margini, a causa della loro identità di genere o della loro identità culturale. Sono personaggi assenti dalla scena, e finiscono per creare un legame. Sono gli eroi della vita; sono i miei eroi.

Stava parlando di "vita e morte". Il concetto di morte viene introdotto e poi ampliato, con fotografie ma soprattutto con la morte effettiva di uno dei personaggi. Come l’ha affrontata?
I miei film recenti sono estremamente sensibili alla questione del "fin dove posso andare con le vite delle persone?". Perché è ciò con cui lavoro. Loro ti aprono la porta alla loro intimità, che è un atto di straordinaria generosità. Ho filmato le sorelle di Montalegre e ho capito che Ana era piuttosto fragile. Ho chiesto alla famiglia di farmi sapere se fosse successo qualcosa. Un giorno qualcuno della loro città mi chiamò e mi disse che Ana era morta. Ho pensato: "Ci vado subito". Ma ho anche pensato: "Devo portare la telecamera?". Non sapevo cosa fare. Ho avuto un colloquio con la famiglia e quando sono arrivata lì ho capito che aveva senso continuare questo ritratto. Quando uno muore, come fanno gli altri a gestire la sua assenza? Ci sono andata da sola ed è stato davvero difficile per me filmare. Ho fatto una sola ripresa – quella che vedete nel film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy