email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

"Stiamo cercando di capire come cooperare per aiutare tutte le sale che ci hanno sostenuto"

Rapporto industria: Distribuzione, esercenti e streaming

Margherita Chiti • Distributrice, Teodora Film

di 

Cineuropa ha intervistato Margherita Chiti di Teodora Film per parlare delle complessità del mercato italiano e della sua posizione nel mezzo della crisi del Covid-19

Margherita Chiti  • Distributrice, Teodora Film

Cineuropa ha intervistato Margherita Chiti, direttrice generale e responsabile acquisizioni e vendite TV di Teodora Film, per parlare delle complessità del mercato italiano e della sua posizione di distributore independente nel mezzo della pandemia di Covid-19.

Cineuropa: Potrebbe parlarci della storia della compagnia e della sua linea editoriale?
Margherita Chiti: Teodora Film è stata fondata venti anni fa da Vieri Razzini e Cesare Petrillo. Fin dall'inizio, la società si è concentrata su titoli d'autore indipendenti, con un'attenzione speciale per i film LGBTQI e le registe. Cesare Petrillo ha lasciato l'azienda un anno fa, mentre Vieri è rimasto come partner. Al momento, il nostro team è formato da Daniela Graziano (CFO), Stefano Finesi (Ufficio stampa e Comunicazione), Gianluca Buttari (Tecnico e Marketing) e da me (Direttrice Generale e Responsabile delle acquisizioni). Continuiamo a dedicarci al cinema d'essai, quindi cerchiamo di seguire i registi con cui abbiamo lavorato e che abbiamo distribuito nel corso degli anni. Stiamo anche iniziando a esplorare le potenzialità della coproduzione. Ovviamente la situazione attuale ci ha costretto a fermarci, ma torneremo sicuramente in pista con questa linea di lavoro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Quali sono le principali complessità del mercato italiano?
Abbiamo a che fare con un mercato molto difficile per il cinema d'essai, ma penso che sia un'ondata generale che sta coinvolgendo il settore della distribuzione arthouse in tutta Europa. Esiste ancora e ha un pubblico, ma sta chiaramente diventando sempre più di nicchia. Negli ultimi anni abbiamo dovuto adattarci a un nuovo modello sostenuto da minori ricavi. Abbiamo ridotto le nostre spese di P&A e modificato l'approccio per la promozione dei nostri film. Ora spendiamo meno in pubblicità e investiamo di più nella cura dei titoli. Le nostre uscite sono più piccole e facciamo quasi tutto in casa, ad eccezione di alcune collaborazioni professionali, quindi siamo in grado di adattarci abbastanza facilmente a questo nuovo scenario.

Una delle maggiori sfide per noi è trovare schermi per i nostri titoli, perché molte sale hanno chiuso negli ultimi anni. Il doppiaggio è un altro ostacolo per i distributori italiani. Richiede un investimento enorme, quindi è necessario un certo ricavo per rientrarci. In Italia è molto difficile distribuire piccoli titoli d'autore nella versione originale. Abbiamo provato con alcuni film come Lo sconosciuto del lago [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alain Guiraudie
scheda film
]
, Weekend [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
o L'Heure de la sortie [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sébastien Marnier
scheda film
]
, ma questi hanno un pubblico molto specifico e fedele. Abbiamo anche un grosso problema con la pirateria, che non è mai stata affrontata correttamente. Non esiste una regolamentazione efficace contro di essa, quindi tutti piratano i film.

Come sta affrontando la situazione attuale causata dal Covid-19?
Abbiamo rilasciato un film la settimana prima del lockdown, perché avevamo già investito in promozione. È stato Doppio sospetto [+leggi anche:
recensione
intervista: Olivier Masset-Depasse
scheda film
]
, di Olivier Masset-Depasse, il film più premiato nella storia dei premi Magritte belgi. La prima settimana ha funzionato abbastanza bene, ma poi tutto si è fermato. Abbiamo deciso di posticipare le nostre prossime uscite, quindi ora stiamo solo aspettando. Ci sono molte discussioni in corso in questo momento tra distributori ed esercenti su cosa fare, ma non c'è nulla di veramente concreto. Penso che dovremmo aspettare un po' fino a quando non avremo superato la fase peggiore della pandemia. I cinema saranno tra gli ultimi luoghi a riaprire, quindi probabilmente la stagione è finita fino a settembre-ottobre. A meno che la situazione non lo consenta per alcuni cinema all'aperto in estate, che hanno molto successo in Italia. Per il momento non stiamo pianificando di distribuire i nostri film in nessun altro modo, perché vogliamo preservare la possibilità di un'uscita in sala. Possiamo farlo perché siamo una piccola compagnia, con solo 2-3 titoli in arrivo che non sono molto costosi. Se non accade nulla fino alla fine dell'anno, potremmo considerare altre opzioni, ma in questo momento preferiamo aspettare e vedere. Comunque, alcune proposte stanno arrivando da parte degli esercenti e stiamo ascoltando e cercando di capire come eventualmente collaborare per aiutare tutte le sale – quelle più piccole e quelle più grandi – che hanno sostenuto la nostra storia e il nostro sviluppo.

Qual è stata la vostra campagna di maggior successo finora? Qual era l'ingrediente segreto?
Una delle nostre ultime uscite, il film macedone Dio è donna e si chiama Petrunya [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Labina Mitevska
intervista: Teona Strugar Mitevska
scheda film
]
di Teona Strugar Mitevska. Il film è stato piuttosto un flop in Francia, che di solito è il nostro punto di riferimento, quindi abbiamo deciso di cambiare la campagna e l'intero approccio per la promozione. Abbiamo fatto tutto in casa: creato un nuovo trailer, un nuovo poster, spinto un po' sul lato comico del film... Penso che questo sia stato l'elemento chiave. Siamo anche riusciti ad avere la regista in Italia, perché stava partecipando al Torino Film Festival per una retrospettiva. I nostri pubblicist hanno fatto un lavoro incredibile con la stampa, e alla fine il film ha fatto più ingressi qui che in Francia, il che è abbastanza insolito. Ne siamo molto contenti. Crediamo fortemente nel lavoro di squadra: condividiamo tutte le decisioni, confrontandoci costantemente – ognuno consapevole dell’area di competenza e del know how – e credo che questa sia la nostra principale forza.

Di solito come sono suddivisi i proventi per i vostri film?
La sala è sempre cruciale per noi. In media, direi che rappresenta almeno il 40% delle nostre entrate, con l'altro 60% proveniente da Pay-TV, Free-TV, home video e SVOD. Questo può variare ovviamente, a seconda del film. Facciamo ancora alcuni DVD con un agente esterno (CG Entertainment), ma le entrate sono molto ridotte. Quando abbiamo distribuito La donna elettrica [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Benedikt Erlingsson
intervista: Benedikt Erlingsson
scheda film
]
, abbiamo lanciato una campagna speciale in cui il pubblico poteva richiedere un Blu-Ray, che sarebbe stato prodotto appositamente per loro. Si è rivelato un discreto successo, ma sicuramente non è più un grande mercato. Il VOD si sta evolvendo un po', ma rispetto ai ricavi che eravamo soliti fare con i DVD, per non parlare del VHS all'inizio, siamo ancora molto indietro. La situazione sta migliorando leggermente con le piattaforme di streaming, quindi abbiamo deciso di rilasciare il nostro catalogo su Prime Video, il che ci porta a un flusso di entrate costante.

Su una nota più personale, cosa l’ha portata alla distribuzione? Come vede il futuro?
Dopo i miei studi ho iniziato a lavorare come assistente universitaria, ma non mi piaceva molto il rigido mondo dell'università in Italia. Ho scoperto che una società di distribuzione chiamata Mikado Film era alla ricerca di uno stagista, quindi ho deciso di candidarmi. Era solo per curiosità, ma poi ho scoperto questo fantastico lavoro nelle acquisizioni, in cui le persone venivano pagate per guardare film, andare ai festival, creare una line-up e seguire i registi. Era tutto ciò che avrei sempre voluto fare. Negli anni seguenti ho lavorato per diverse compagnie come Warner Bros., Sacher Distribuzione, Cinemaundici produzione... e quasi dieci anni fa sono entrata a far parte di Teodora.

Per quanto riguarda il futuro, il settore dell’arthouse sta cambiando molto. Sta diventando più piccolo, ma spero che si stabilizzi per una nicchia. Non vogliamo fare molti soldi, non ci siamo mai aspettati di diventare ricchi con questo, saremmo felici di continuare a fare ciò che amiamo. Siamo veri cinefili, quindi siamo grati quando siamo in grado di portare un film che amiamo nei cinema. Spero che il nostro pubblico continui a sostenerci. Mi piacerebbe anche rivedere la gente nelle sale, perché quello è il luogo in cui il cinema dovrebbe essere apprezzato.

En collaborazione con

 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy